jump to navigation

Ritorno a casa 15 maggio 2006

Posted by Lorenzo in Uncategorized.
trackback

Stasera, verso le 19:30, salgo in macchina per farmi i 25km del tragitto dal lavoro verso casa. Come al solito, attacco la radio su Play Radio, dove a quell’ora c’è una simpatica trasmissione, una delle mie preferite, Citofonare Play con Flavia e la Giada.

Il problema è che da circa una settimana le frequenze di Play Radio in terra reggiana devono avere qualche problema, poiché la mia radio riceve questa stazione con diversi problemi, solo che stasera i problemi erano maggiori del solito, per cui ho dovuto trafficare manualmente sulla radio per sintonizzarmi finalmente sulla trasmissione. Insomma, un pericolo pubblico per chi circolava intorno a me a quell’ora, visto che queste operazioni le ho fatte mentre ero in marcia.

Ma veniamo alla trasmissione. Flavia e la Giada hanno dato una notizia (di cui purtroppo non ho trovato riferimenti sul Web) che mi ha colpito: alcuni dipendenti di una nota compagnia aerea statunitense di cui non ricordo il nome, sono diventati milionari grazie al valore acquisito negli anni dalle azioni (le cosidette “stock-option”) della società in questione. Il bello è che questi dipendenti, non hanno pensato di lasciare la società e godersi il malloppo in qualche località esotica, ma per gratitudine, continuano a svolgere lavoro dipendente presso la stessa azienda. Devo ancora capire se sono un raro esempio di onestà, umiltà e gratitudine, o se sono dei deficienti.

Da quello che hanno detto Flavia e la Giada, questa compagnia è (o era) conosciuta per la propria immagine sexy, poiché le hostess lavorano in hot pants, i bagni sono molto spaziosi (immagino per gli appartenenti al “club dei 10.000”), e cose di questo genere, e ironizzavano sul fatto che, essendo questi (o queste) dipendenti non più di primo pelo, l’immagine della società non è più così sexy.

Ecco, io mi sono subito immaginato le dipendenti ottuagenarie che ancheggiano lungo l’aereo in hot pants, gemendo ad ogni “mossa” per l’artrite, e che, piegandosi per versare il caffè ai viaggiatori, rimangono bloccate per un colpo della strega fulminante.

Non sono cose da pensare mentre si sta guidando.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: